marocco
26 febbraio 2018
Il Marocco, una destinazione unica alla BIT 2018
Marocco news Un Marocco unico, autentico con radicati valori di accoglienza turistica. Un capitale culturale, tradizionale, gastronomico e naturalistico che rendono il Paese una destinazione originale per ogni tipo di turista: questi gli aspetti che l’Ente ha proposto alla BIT 2018.
 
“Puntiamo sulla specificità della destinazione” dichiara Jazia Santissi, Direttore dell’Ente “La a partecipazione alla BIT ha permesso di approfondire il confronto con i professionisti del settore nazionali e marocchini e di analizzare le future tendenze in modo da proporre un prodotto coerente con i nuovi stili di viaggio ”conclude Santissi.

I dati del 2017 indicano un ottimo andamento: il mercato italiano ha riportato +25% di arrivi in dicembre, +10% di arrivi sull’arco dell’anno con un +25% di pernottamenti.

Livello globale 11,5 milioni di turisti hanno visitato il Marocco con un aumento del 10%, un +15% dei pernottamenti e un +8,4% del fatturato.
Crescita anche per il trasporto aereo: 5 milioni di turisti, con +15% per l’aeroporto di Marrakech e +11% per l’aeroporto di Casablanca.

Il 2017 è stato un anno eccezionale per Marrakech che ha raggiunto il record dei dati turistici con 2 milioni di turisti e 7,7 milioni di pernottamenti (+17%), mentre il ponte di Capodanno ha visto un tasso di occupazione del 100% in quasi tutte le strutture ricettive della città ocra.

Il 2018 è iniziato per il trade con la Convention Annuale di Alpitour di fine gennaio a Marrakech con 85 agenti del network GEO Gold. E il primo semestre dell’anno nuovo vedrà inoltre il proseguimento delle attività formative tra i quali il webinair con Mistral. Continueranno anche le iniziative con i tour operator tra cui l’annuale co-marketing con King Holidays, Maestro Turismo e la nuova collaborazione con Boscolo Tours.
 
Sul piano della capacità aerea, a partire dal 27 marzo Ryanair lancerà la tratta Bergamo-Tangeri due volte a settimana, collegamento che faciliterà l’arrivo a Chefchaouen, Tetouan (patrimonio UNESCO), Asilah e Larache.